NA BAHIA (2000)

NA BAHIA (2000)

O ven da planais da tribú dai Pelos
Cjantant cui pîs ta pozis, dentri ta gole
Carnevâl al á cjapât il mâr
Vistût di blanc, di lagrimes e ridudes
Uví, aí, no ‘nd é, no ‘n sta
No ‘nd é plui agnui tai paîs
Che zúin cui djaui e li faliscjis

Vuei murî, vuei murî di gjonde
Insegnimi, mostrimi la vie dal mâr

Il mâr si bone ta bahia
Lis ondis a restin tal ajar
Lis pieris da stradis
A movin il mont
Di birimbao e tamburei
Em a rua do Pelourinho

Zinglinant, zinglinant a preparin il carneväl
Zinglinant di montan, vistût di rosis e flôrs

Di gnot li striis si petenin
A cjaval di un cuart di lune
Par cjarinâ la fortune

Torna alla raccolta di poesie
Traduzione italiana

NELLA BAHIA

Vengo dalle pianure della tribù dei Pelos
Cantando con i piedi nelle pozzanghere, dentro nella gola
Carnevale ha preso il mare
Vestito di bianco, di lacrime e risa
Qui non c’è, non ci sta
Non ci sono più angeli nei Paesi
Che giochino con i diavoli e le faville

Voglio morire, voglio morire di gioia
Insegnami, mostrami la via del mare

Il mare si calma nella baia
Le onde si sospendono nell’aria
I porfidi della strada
Muovono il mondo
Di berimbao e tamburelli
Nelle strade di Pelourinho

Tintinnando, tintinnando, preparano il Carnevale
Tintinnando da lontano vestito di rose e fiori

Di notte le streghe si pettinano
A cavallo di un quarto di luna
Per accarezzare la fortuna.

Pin It on Pinterest