RELIGION (2005)

RELIGION (2005)

Piçal necal mal parido segnât a deit
gordo chancho en el rancho con un pancho

me nôno al ere ecuilibrist
me pâri conforme zá s’al esist
i fradis a tetin cence flât
dal pet di une mâri cence etât

chango botija negro villero
hijo de mil putas
plen di cosa fin tal cûl
o soi dûr, madûr
plen di cosa fin tal cûl
dami cá un mûr che lu spachi fôr

l’ai vindude la mê religjon
‘nd ai comprade une gran television
l’ai butade jú pal barcon
a ti tratin come che tu fossis un cojon

no dome pan ti dará libertât
in chest pantan dul’a che tu sês nât
no dome pan par vê libertât
sí! bon va ben, peró, dulá ise il gno pan?

decodifiche la më intimitât
decodifiche il lengac analfabet a metât
recodifiche il tramai dal plan sociâl
recodifiche il pecjât, il pecjât di jessi nât

ch’o mi planti ta lote in prime file
ch’o ti prei di sparagnâ chë infante creature
ch’o no sai cui ch’al á fat l’imbastidure
jo no sai cui ch’al á fate l’mbastidure

ch’o si mûr tirât inta rudine
ch’o si mûr brusât e no par fâ rime
ch’o no ‘nd é plui rason par rasonâ
no, no ‘nd é plui rason par rasonâ
e alore
religion
religjon
dami cá dami cá une religion

Torna alla raccolta di poesie
traduzione in italiano

RELIGIONE

piccolo nudo nato male additato da tutti
ciccione
porco nella baracca con un panino

mio nonno era equilibrista
mio padre già conforme se esiste
i fratelli si allattano senza tregua
dal petto di una madre senza età

ragazzo, fanciullo, negro villero*
figlio di mille puttane
pieno di cocaina fin nel culo
sono duro, maturo
pieno di coca fin nel culo
dammi qua un muro che lo spacco in quattro

l’ho venduta la mia religione
ho comprato un grande televisore
l’ho buttato giù dalla finestra
ti trattano come se tu fossi un coglione

non solo pane ti darà libertà
in questo pantano dove sei nato
non solo pane per avere libertà
sì! va bene, ma dov’è il mio pane?

decodifica la mia intimità
decodifica il linguaggio analfabeta per lo più
ricodifica la trappola del piano sociale
ricodifica il peccato, il peccato d’essere nato

quando mi pianto nella lotta in prima fila
quando ti prego di risparmiare quell’infante creatura
quando non so chi abbia fatto l’imbastitura
io non so chi ha fatto l’imbastitura

quando si muore tirati nella ghiaia
quando si muore bruciati e non per fare rima
quando non c’è più ragione per ragionare
no, non c’è più ragione per ragionare
ed allora
religione
religione
dammi qua una religione.

(*abitante della villa, favella, bidonville)

Pin It on Pinterest